• Nuovo

Tesi di laurea - Museo, biblioteca e archivio diocesani

Visualizzazioni: 55
0,00 €

Museo, biblioteca e archivio diocesani: dalla fondazione ad un futuro coordinamento.

Le intuizioni di Iginio Rogger; gli obiettivi del MAB

Tesi di laurea di Silvia Rogger
 

Il museo civico nasce in Italia nella seconda metà dell’Ottocento, per arginare le dispersioni del patrimonio storico artistico che hanno segnato il periodo postunitario. Le cosiddette leggi ‘eversive’ dell’Italia unita (n.3036 del 7 luglio 1866) produssero la soppressione di chiese e conventi, nonché di ordini religiosi senza utilità sociale al fine di ridimensionare il potere temporale della Chiesa e i suoi privilegi di sapore feudale, inammissibili in uno Stato moderno. Ne derivò l’esproprio dei beni ecclesiastici e la loro requisizione da parte dello Stato, ma anche la loro immissione nel mercato antiquario e, di conseguenza, la loro dispersione. A questo patrimonio si aggiungono le testimonianze degli antichi centri storici sventrati, ai quali occorre trovare una sede adeguata. Infine le collezioni che privati collezionisti, spesso esponenti delle amministrazioni pubbliche, intendono legare al proprio comune di appartenenza. Un ingente patrimonio artistico, librario ed archivistico viene così devoluto a favore dei musei pubblici, e allo stesso tempo cresce il mercato antiquario, in una situazione confusa e spesso difficilmente controllabile...

51 Pagine totali

 

Prodotti correlati

16 altri prodotti della stessa categoria: