L’apostrofo rosa sul Cavallino rampante

In: Attualità On: Pubblicato da: Alberto Ventrice Hit: 337

Succede di innamorarsi di una Ferrari, delle sue linee sinuose, del fascino impeccabile che si cela dietro ad una calandra perfetta. Ci si innamora di una Ferrari sentendola cantare, appena apre la “bocca” per schiarirsi la voce come fa un soprano prima di un concerto unico e sublime. “L’automobile è femminile” affermava Gabriele d’Annunzio e dunque ci si innamora di una bella macchina proprio come di un’affascinante donna di classe, con lo stesso batticuore a prima vista.

Donne e motori, un binomio secolare che ha da sempre messo a confronto due mondi così esteticamente simili e solo apparentemente lontani. Ma la storia insegna che presto le donne sono passate dal sedile del passeggero a quello del volante, appassionate anche loro a certe icone di stile intramontabili nate e cresciute in quella fucina di bellezze autentiche che è la “motor valley” e che ha come capoluogo Modena.

Al MEF – Museo Ferrari di Modena – è in corso la mostra temporanea “Il Rosso e il Rosa: women and Ferraris, the untold story” che in un’atmosfera originale lega orgogliosamente alcune Ferrari leggendarie – vecchie e nuove - a figure storiche femminili che sono state pilote o semplici estimatrici. Tra queste ultime un caso eclatante è quello dell’attrice premio Oscar Anna Magnani, che nel 1951 durante le riprese del film “La carrozza d’oro” ha acquistato una Ferrari 212 Inter Coupé. L’attrice ha ringraziato personalmente Enzo Ferrari con una dedica su una fotografia che la ritrae a fianco al suo gioiellino a quattro ruote. Due anni più tardi un’altra celebre attrice, l’ungherese Zsa Zsa Gabor, volle posare a tutti i costi sulla Ferrari 375 MM del marito, sul palcoscenico della 24 Ore di Le Mans. Sempre a proposito di icone storiche degli anni Cinquanta, come non ricordare i coniugi Roger Vadim e Brigitte Bardot sulla loro Ferrari 250 California appena disegnata da Sergio Scaglietti? Il MEF ha in mostra anche una Ferrari 250 GT Berlinetta del 1959, come quella posseduta dalla principessa Maria Gabriella di Savoia, figlia di re Umberto II; lei, come tanti vip dell’epoca, si è lasciata catturare da una vettura tanto sportiva quanto elegante.

Ma le signorine coi tacchi continuano a salire in Ferrari anche attualmente. Basti pensare alla cantante pop Beyoncé che non ha mai nascosto la passione per la Ferrari FF del marito Jay-Z e che preferisce lasciare il sedile passeggero a quest’ultimo pur di provare ogni volta un brivido di emozione al volante. L’artista e collezionista Cornelia Hagmann, invece, è stata contagiata dalla passione del marito per le auto del Cavallino: al MEF è esposta una delle 499 Ferrari LaFerrari rosso fiammante come quella che l’artista, di origine austriaca, ha avuto in dono dal consorte prima della prematura scomparsa dell’uomo nel 2013. La Hagmann afferma che LaFerrari è “una vera opera d’arte”, e aggiunge: “Potrei passare ore ad osservarla”. Ma oltre alle donne che si accontentano di osservare con occhi sfavillanti, ci sono anche quelle che di fronte alle Ferrari più sportive non riescono a evitare di scendere in pista per una guida al limite. E’ il caso della francese Deborah Mayer che nei fine settimana smette di indossare i panni dell’impiegata dell’alta finanza per correre sulle più famose piste del mondo. Al MEF sono in mostra la sua Ferrari 458 Italia GT3 usata nel 2011 e la 488 Challenge con cui ha corso nel 2016.

Insomma un excursus variegato, una mostra originale e interessante che oltre ad allietare il cuore e la mente degli appassionati visitatori è anche un omaggio alle donne che nel settore automobilistico hanno avuto un ruolo sempre più crescente come pilote, clienti stimate e professioniste.

                                                                                                                                                                                                                                                                      Alberto Ventrice

Domenica Lunedi Martedì Mercoledì Giovedi Venerdì Sabato Gennaio Febbraio Marzo April Può Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre