Silvio Zago - Pittore dei paesaggi lagunari

Visualizzazioni: 702
0,00 €

Silvio Zago inizia la sua esperienza pittorica approcciandosi alla scuola Ottocentesca del realismo di Courbet e Corot; parte da un figurativismo puramente paesaggistico per approdare a una rappresentazione informale dove prevale la frantumazione della forma che si integra perfettamente nel paesaggio per lo più lagunare.v La pianura padana, il delta del Po e dell’Adige, le golene insieme alle case dei pescatori, sono luoghi che permettono a Zago di esprimere una pittura data dalla spontaneità e dall’ispirazione momentanea che lo ha portato a creare una produzione incessante orientata all’immediatezza di immagini e colori; quindi un realismo suo, un modo di essere concretamente legato al reale attraverso una sensibilità e un modo di vedere la realtà filtrata dai sentimenti. Zago resta il portavoce di una natura incontaminata dove la figura umana scompare e il paesaggio è dichiarato protagonista assoluto.

45 Pagine totali