Blog Menu

Ultimi post

Veramente pensate di capire i poeti? - Mauro Fornaro

456 Visualizzazioni 0 È piaciuto

Veramente pensate di capire i poeti? - Mauro Fornaro

Intervista di Valeria Vanotti 

presso la Libreria al Buco del centro storico di Piove di Sacco, 30 Novembre 2019

“Ad ogni sorgere del sole,

quando esco di casa

ti cerco, sempre.

Precorro strade, piazze e vie

sperando di trovarti ad ogni incrocio

dietro agli angoli più nascosti.

E anche se non ti trovo

cammino più forte.

Prima o poi ti troverò

e avrò finito

la mia disperata ricerca.

I poeti

come i marinai

cercano un porto sicuro

dove potersi ubriacare di felicità.” Mauro Fornaro

Si può scegliere di diventare poeta?

“Se non hai tempo per leggere, non hai tempo per scrivere” S. King

La differenza sta nella capacità di saper raccontare quanto saper leggere. Non si può scegliere di diventare poeta. 

La poesia può essere un atto di comunicazione?

Il poeta può considerarsi un ponte tra il mondo e le emozioni umane.

Rispecchia il suo ruolo primario, simile a un Caronte che traghetta le anime. Ed è per tale motivo che resta incompreso in quanto devia dal pensiero sociale tradizionale.

Il poeta in quanto visionario può vedere oltre il quotidiano?

Il poeta vede oltre il quotidiano e non sempre chiaramente perdendosi, cogliendo quella particolarità non percepita da un altro, quel qualcuno che paradossalmente potrebbe vivere, o sopportare meglio la quotidianità nella sua routine.

A differenza di un artista che nella sua ruotine vive una condizione di insoddisfazione, lì risiede la spinta verso la creazione. Insoddisfazione per definizione, non sarebbe più un artista ma qualcos’altro.

Passione per la scrittura, e per il basket la sua.

Esatto, lo sport più bello del mondo.

Così vien chiamato.

Esiste un modo per avvicinare i giovani alla poesia?

Tutti i bambini sono dei poeti. Poi diventando grandi si deformano.

Il modo è continuare a stimolarli nella crescita. Una delle particolarità dei bambini è che hanno sempre fiducia nel mondo, infatti alle domande più importanti loro darebbero la risposta più semplice e logica. I bambini sono molto più maturi e crescendo si decompongono.

La poesia è quindi per tutti o per pochi eletti?

Assolutamente per tutti. Il vero progresso è solamente interiore. Il libro testimonia la storia di una persona. Capisci che è nato quando lo termini. C’è amore, c’è gioia, c’è voglia di vivere.

Si vive in maniera frenetica dove è difficile trovare un momento di lentezza e la poesia può restituire all’uomo il suo tempo. Chiunque dovrebbe tenere sempre un libro di poesie sul comodino.

E può la poesia essere testimonianza storica?

Normalmente un poeta si pone in una posizione critica. Come nell’atto di scrivere una poesia d’amore, come se bastasse saper scrivere per amare veramente..

La capacità del poeta è che in poche parole riesce a esprime un concetto universale.

----------

Veramente pensate di capire i poeti? è una raccolta di poesie dedicate ai temi dell’amore, del disincanto e delle sofferenze che causano la morte dei poeti.

Un incontro piacevole, al quale con piacere abbiamo scelto di partecipare offrendoci un momento di lentezza interiore.

Il Team

Questo post sul blog ti è stato utile?
Pubblicato in: Letteratura

Gruppo di lavoro del team di Needfile uniti per la stesura di articoli.

Lascia un commento

Codice di sicurezza