Blog Menu

Ultimi post

Un'Italia sospesa attende noi

375 Visualizzazioni 0 È piaciuto

Il Covid-19 ha rallentato le nostre vite. Ci ha posto in uno stato di attesa. Un’Italia che aspetta. Ma cosa aspetta?

Che ci piaccia o meno il mondo è cambiato, le nostre abitudini, il modo di socializzare e l’attività lavorativa, i luoghi abituali ora a noi lontani come un dolce ricordo. Il mondo è cambiato senza avviarci, senza darci il tempo di adattarci, senza il nostro consenso. Il turismo è la parte che forse più soffre di questo cambiamento, compreso il nostro amato trekking che ne resta il cuore pulsante. Quanti progetti, idee, destinazioni ancora attendono, e forse proprio quel luogo che vorremmo rivedere una volta tornati alla normalità. Ma cosa significa normalità? E lo è mai stato in effetti? Dicono che l’abitudine uccide, ma forse è proprio nell’abitudine che risiede il conforto, l’abbraccio dolce di una madre, l’eterno riposo dello spirito. Ed è in quel luogo che vorremmo ritornare, oggi più di prima, perché li abbiamo il cuore.

Oggi consapevoli, più di prima, di quanto sia meravigliosa la normalità con i nostri affetti, i nostri luoghi, e con tutte le esperienze ancora di fronte a noi, che attendono. Città d’arte, paesaggi incontaminati, colline, mari e montagne. Ogni regione potrà offrirci ancora le sue particolarità. Riscoprire la natura in modo più consapevole e attento attraverso il trekking, attività sana ed appagante. L’outdoor resta e resterà un’occasione per viverci e riscoprirci. Una gita fuori porta immersi nell’incanto naturale, da soli o in compagnia. Ripensiamo ai borghi, alle locande, castelli, laghi e città. Ricordiamoci che tutto questo è la fuori, come sospeso. Ciò che si trasforma rinasce e rinasceremo anche noi, di nuove speranze, nuova vita, nuova umanità.

Quindi scegliamo l’Italia, scegliamo il trekking. Scegliamo il trekking in Italia.

Questo post sul blog ti è stato utile?

Gruppo di lavoro del team di Needfile uniti per la stesura di articoli.

Lascia un commento

Codice di sicurezza