Blog Menu

Ultimi post

Reputazione e percezione del brand

116 Visualizzazioni 0 È piaciuto

Come migliorare la Brand Reputation?

Come crearsi una immagine pulita e diversificata rispetto ai competitor in un mercato oramai digitalizzato?

È chiaro che alla base deve esserci un prodotto/servizio distintivo che possa offrire ai consumatori garanzie e vantaggi. La brand reputation andrà ottimizzata innanzitutto con il Core Business.

Partendo dalle premesse, cos’è il Core Business? È l’attività principale svolta da un’azienda con lo scopo di produrre utili: racchiude tutto ciò per cui l’azienda è nata come la mission, i suoi prodotti/servizi e l’impatto col target di destinazione. Ogni piccola e grande realtà imprenditoriale quanto gli organismi statali, porteranno in sé elementi distintivi che le rappresentano di fronte a una realtà di mercato sempre in evoluzione: dalla selezione ed efficienza del personale, alle pratiche gestionali, all’architettura produttiva.

Strategie ed obiettivi dovranno modellarsi alla sua attività principale per poter sopravvivere alla competizione di massa generando prodotti o servizi in qualche modo unici in un’ottica distintiva inerente all’etica del brand. Costruirsi una reputazione partendo da concetti quali la qualità del prodotto, il design, l’innovazione e infine l’user experience (l’insieme degli elementi che definiscono l’interazione dell’individuo con l’azienda, prima e dopo l’acquisto).

La reputazione viaggia col fattore tempo e ci si può servire delle recensioni o di articoli blog, video YouTube, questo perché nella ricerca online, gli utenti si affideranno alle opinioni/esperienze dei consumatori per la scelta del prodotto. Account social, reclami, immagini e video, tutto fa parte di un flusso di comunicazione prezioso che va monitorato e influenzerà in positivo o negativo l’opinione sociale nella percezione del brand. La Social Costumer Care, sarà un parametro fondamentale per innalzare la soglia d’ascolto.

Un monitoraggio che curi il dialogo col cliente (risposte tempestive, assistenza, dubbi e critiche) e la comunicazione con fornitori e partner. Rispondere quanto raccogliere i feedback degli utenti da ogni canale in cui saremo presenti sarà un ottimo punto di partenza per individuare eventuali aspetti da migliorare, nella necessità di curare l’aspetto azienda-cliente, valorizzando ogni individuo in misura personalizzata e sistematica attraverso strumenti cartacei (grafica destinata alla stampa) quanto digitale (gestione pagine social, blog o forum, siti web).

E il successo dipenderà non solo dalla soddisfazione del cliente, quanto dalla valorizzazione dello staff perchè la buona riuscita di un progetto sarà determinato dalle menti che ci lavorano. Un giusto leader potrà valutare ciascun ruolo cogliendone le potenzialità. Ogni persona nella giusta collocazione, saprà interpretare un aspetto del brand: un po' come un puzzle dove ogni tassello si incastra perfettamente solo se posizionato nel giusto spazio. Occorre quindi che vengano create le condizioni per permettere agli addetti di sentirsi stimolati nella propria crescita, all’interno di un team.

Valore, trasparenza, etica.

Noi crediamo nella realizzazione di un’etica propositiva e in linea con le esigenze dell’individuo. Crediamo nel riconoscimento e rispetto dei ruoli, poiché ogni individuo resta un tassello indispensabile per la creazione di un brand.

reputation

Pubblicato in: Attualità, Informatica

Gruppo di lavoro del team di Needfile uniti per la stesura di articoli.

Lascia un commento

Codice di sicurezza