Blog Menu

Ultimi post

Nadia Toffa e la sua battaglia contro il cancro

197 Visualizzazioni 0 È piaciuto

"E forse ora qualcuno potrebbe pensare che hai perso, ma chi ha vissuto come te, non perde mai". Con queste parole si apre il post col quale il programma di Italia 1 ha scelto di ricordarla, un simbolo di forza e coraggio, fino alla fine. Come con lei ci sia stato da subito un colpo di fulmine: 'È stato tanto facile piacersi, inevitabile innamorarsi, ed è proprio per questo che è così difficile lasciarsi'.

Un’altra luce si è spenta. È la malattia che da un lato segna, dall’altro insegna. Non esiste opportunità più preziosa quale è la vita.

Nadia Toffa, conduttrice e inviata de “Le Iene” si spegne oggi, 13 agosto 2019, dopo una battaglia durata due anni. Aveva 40 anni. Il 2 dicembre 2017, la grave scoperta. Dopo gli accertamenti, il trasferimento al San Raffaele di Milano. Una patologia celebrale, sostennero. Due mesi dopo, la conferma in diretta a “Le Iene” raccontandosi, forse una delle prove più inaspettate della vita: quella della lotta contro il cancro.

"Ho avuto un cancro. Mi sono operata e mi hanno tolto il 100% del tumore. Ma ho fatto radio e chemio preventive, le ho finite pochi giorni fa. La fortuna è stata proprio che dopo lo svenimento ho fatto un accertamento, un check-up completo. Ora sto benissimo. Non mi vergogno di nulla. Non mi vergogno dei chili persi, li riprenderò. Non mi vergogno nemmeno del fatto che ora porto la parrucca, è più bella dei miei capelli".

Lo scorso anno dichiarò a “Verissimo”, quando sembrò vinta, la riconferma. A marzo, durante un controllo le dissero che sarebbe dovuta essere rioperata. Il cancro era riapparso.

“È il mio dolore e me lo devo portare. È una sfida che magari posso non vincere, ma l'importante è mettercela tutta, combattere. Ci ho messo mesi di dolore e introspezione per capirlo, però non voglio fare pena a nessuno. Non piango in pubblico, piango con i miei amici".

Nella sua lotta per la vita, un esempio per tanti, guerriera come pochi, con umiltà racconta ai media la sua storia, di fronte a una società che a volte non comprende, altre non perdona per ignoranza, invidia, cattiveria. Nadia Toffa ha condiviso ogni tappa della sua battaglia con accanto a lei il sostegno della famiglia, amici, colleghi e la Rete. In ogni suo giorno sostenuta dai social. Un cammino difficile ma sempre pronta ad aiutare e incoraggiare, chi come lei, ha sofferto nella malattia e nella solitudine. Poi, negli ultimi tempi, i post sono diventati più sporadici. L'ultimo risale all'1 luglio. Sorride, stringendo a sé la sua amica a quattro zampe Totò, dando un bacio a tutti i suoi follower.

“Rivendico il diritto di parlare apertamente della malattia, che non è esibizionismo né un credersi invincibili, anzi: è un diritto a sentirsi umani. Anche fragili ma forti nel reagire.” Nadia Toffa

Questo post sul blog ti è stato utile?
Pubblicato in: Attualità

Gruppo di lavoro del team di Needfile uniti per la stesura di articoli.

Lascia un commento

Codice di sicurezza