Blog Menu

Ultimi post

Mendel il padre della genetica

176 Visualizzazioni 0 È piaciuto

La genetica è la specializzazione che studia la biologia dei geni e la modalità di trasmissione dei caratteri ereditari tra cui animali, vegetali e l'uomo. Questa scienza ha origini molto antiche ma con il passare del tempo si è specializzata grazie agli studi che hanno permesso di individuare i meccanismi alla base dell’ereditarietà. Nel 1944 per la prima volta fu identificato il DNA come la molecola contenente il materiale genetico degli individui grazie alla cristallografia a raggi X che permise di comprendere il meccanismo della replicazione del DNA.

Ma la svolta decisiva si ebbe nel 1953, quando Gregor Johann Mendel, considerato il padre della genetica, scoprì la struttura del DNA e da qui si cominciò a parlare della genetica molecolare. La risposta a questo importante quesito arrivò quando il ricercatore riuscì a formulare le tre leggi in seguito a numerosi studi basati su delle varietà differenti di pisello. Il suo metodo legato all’impollinazione artificiale, permise di identificare sette varietà diverse per forma e colore del seme, forma e colore del bacello, caratteristiche e colore dei fiori e lunghezza dei fusti.

Incrociando le diverse specie si accorse che i caratteri definiti “dominanti” venivano trasmessi a discapito di altri detti “recessivi” che invece tendevano a scomparire nelle generazioni successive.

La prima legge di Mendel viene chiamata Legge della Dominanza: dall’incrocio di due linee pure che differiscono per un solo carattere, si ottiene una prima generazione in cui gli individui manifestano uno solo dei due fenotipi parentali. Nella prima generazione uno dei due fenotipi sembra scomparire, ma quando questa generazione si accoppierà nuovamente, il fenotipo quasi scomparso potrebbe tornare a manifestarsi o comparire nella terza generazione.

La seconda legge di Mendel è chiamata Legge della Segregazione: al momento della riproduzione, gli alleli di uno stesso gene si separano nella formazione dei gameti, questo determina il genotipo, che può essere eterozigote oppure omozigote.

La terza e ultima legge è dell’Assortimento Indipendente: durante la formazione dei gameti, geni diversi si distribuiscono indipendentemente l’uno dall’altro.

Queste teorie non avvengono solo nelle piante ma anche nel genere umano per esempio i caratteri recessivi come gli occhi azzurri si manifestano nel figlio solo nel caso riceva lo stesso fattore da entrambi i genitori, in caso contrario, sarà sempre quello dominante a presentarsi nella prima generazione. Gli sviluppi in questo settore sono in continua evoluzione da allora sono state introdotte nuove tecniche che hanno permesso di manipolare il materiale genetico, mentre nell' ultimo decennio sono nate diverse discipline scientifiche specifiche come la citogenetica, la genetica dei microrganismi e delle piante, e la genetica dello sviluppo.

Scoperte importanti sono state già pubblicate e chissà quante altre nel futuro ci aiuteranno a svelare i segreti celati dietro a quel meccanismo naturale chiamato uomo.

Questo post sul blog ti è stato utile?
Pubblicato in: Attualità

Fashion blogger appassionata di moda e nuove tendenze, tratta principalmente tematiche attuali legate alla natura e viaggi. Sensibile ai problemi ambientali quanto le novità del momento, offre contenuti sempre aggiornati in particolare per tutto ciò che riguarda il mondo animale, al quale si sente fortemente legata.

Lascia un commento

Codice di sicurezza