Blog Menu

Ultimi post

Il tempo come atto d’amore

231 Visualizzazioni 0 È piaciuto

L’altruismo quanto l’empatia sono preziosi alleati nel coltivare rapporti sani e duraturi verso chi ci sta accanto.

“Io aiuto coloro che possono aiutare se stessi.” Agatha Christie

Per stare bene con gli altri dobbiamo trovare un nostro equilibrio interiore nella costruzione di un Io volto ad esprimere le nostre capacità e aspirazioni. L’amore che offriamo non deve distruggerci, né aiutarci a coprire vuoti interiori ma rafforzare l’animo che incontriamo. Allo stesso modo non è sempre giusto donare. Impara a riconoscere chi approfitta della tua presenza risucchiando tempo ed energia. Sono i vampiri sociali che si nutrono dei sentimenti, facendoci sentire inutili e incompresi.

Riconosci il valore di ciò che dai.

Una persona equilibrata sà dire no. Riconosce il limite nel rispetto della sua dignità. È triste da dire ma spesso ciò che è dato gratuitamente è percepito come dovuto o senza valore. "Se è regalato, allora non vale niente", dicono. Impara a percepire il valore delle cose. Si dà poco valore a ciò che si può avere senza sforzo. Un principio che vale anche per le relazioni. Essere dato per scontato.. a chi non è successo? Accade perché l’altro non riconosce la nostra presenza. A volte ci viene così spontaneo donare che per primi dimentichiamo il nostro ruolo. E se non lo riconosciamo nemmeno l’altro ne sarà capace!

E allora prova a soffermarti al concetto opposto. Perché diamo così tanto valore a ciò che ci costa fatica? Nasci con la capacità di amare e la necessità di essere amato, ma non tutti hanno l’abilità per farlo. L’amore va percepito e sperimentato. Ma come si impara ad amare? Veniamo influenzati in questo dalla cultura, dalla famiglia di appartenenza, dalle conoscenze, dalle esperienze vissute…

La cosa più preziosa che possiedi è il tuo tempo: è limitato e nulla al mondo è in grado di comprarlo. Il tempo è la tua vera ricchezza e offrirlo a coloro che non lo meritano non renderà la tua vita appagante. Amare è un privilegio. Siamo il risultato delle nostre scelte, tanto nella vita professionale quanto nel privato. Familiari, amori e amicizie condizioneranno la tua vita, nel modo di giudicarti quanto di valorizzarti.

Il cambiamento è dentro di noi ma quella spinta esterna potrà influire, anche inconsapevolmente, sull’immagine che sceglieremo.

Il vero punto è che se non dedichi del tempo al tuo benessere e ti prodigi sempre ed esclusivamente per gli altri senza pensare alle tue necessità, arriverà un momento in cui rischierai di crollare. Non si tratta di essere egoisti ma altruisti in modo equilibrato verso quelle persone che realmente meritano di essere aiutate quanto di fare parte della tua vita. Una linea di confine che separa l’aiutare l’altro da l’annullare te stesso.

Per questo devi imparare a dire no. Impara a non sentirti responsabile dei problemi dell’altro, aiutandolo a comprenderli e a tentare di superarli. Chi non è disposto a riconoscere le proprie responsabilità aspettando che il mondo le risolva, non potrà mai essere aiutato. Tu hai la responsabilità della tua vita, imparando a dire di no riuscirai talvolta a far del bene.

Questo post sul blog ti è stato utile?
Pubblicato in: Psicologia

Gruppo di lavoro del team di Needfile uniti per la stesura di articoli.

Lascia un commento

Codice di sicurezza