Blog Menu

Ultimi post

Ultimi post

  • Le Albere di Trento tra passato e contemporaneità 
    Le Albere di Trento tra passato e contemporaneità 
    627 Visualizzazioni È piaciuto

    Il luogo detto per antonomasia il Palazzo fuori Porta Santa Croce merita di essere visitato. Vi si va per un ampio e lungo spalleggio di densi alberi e grandi, a man destra de' quali scorre mormorando un gentil alveo. Arrivando s'apre davanti, come un anfiteatro di pianura, o Piazza distinta in Alberi, e passaggi, formando di sè il Palazzo, quasi bel teatro in prospettiva. Il luogo è posto in isola di forma quadrangolare a Torri con riparo nobile di Balaustrata e regolare recinto di Mura, e...

    Leggi di più
  • Il liberalismo americano nel pensiero di Michel Foucault
    Il liberalismo americano nel pensiero di Michel Foucault
    357 Visualizzazioni È piaciuto

    Il liberalismo americano, fin dalla sua nascita a partire dalla seconda metà del XVIII secolo, ha sempre permeato in profondità pressochè tutti gli aspetti della vita pubblica statunitense. Possiamo affermare che il liberalismo nasca con l'indipendenza americana e che, allo stesso tempo, l'indipendenza americana si sia realizzata attraverso il liberalismo. Secondo l'analisi fattane dal filosofo francese Michel Foucault, “il liberalismo è stato chiamato in causa in qualità di principio...

    Leggi di più
  • L'Arts and Crafts Exhibition Society di William Morris tra industrializzazione e artigianato
    L'Arts and Crafts Exhibition Society di William Morris tra industrializzazione e artigianato
    1087 Visualizzazioni È piaciuto

    Erano gli anni della bella epoque quelli che delinearono il panorama europeo di fine Ottocento grazie allo sviluppo della seconda Rivoluzione Industriale.

    Leggi di più
  • Piet Mondrian metamorfosi arboree
    Piet Mondrian metamorfosi arboree
    977 Visualizzazioni È piaciuto

    Il percorso di Piet Mondrian prima del 1913 si snodò in una serie di composizioni vicine alla tradizione della pittura olandese: nature morte, bestiame, pascoli, fiori, mulini e case rurali ma soprattutto paesaggi con filari di alberi. 

    Leggi di più
  • Klimt e l'oro della seduzione
    Klimt e l'oro della seduzione
    1259 Visualizzazioni È piaciuto

    La fortuna artistica di Gustav Klimt non segue un percorso lineare, in un periodo storico a cavallo tra Ottocento e Novecento, tra simbolismo e modernismo, conosciuto nei paesi nordici col nome di Jugenstil, definita forse la più pura forma espressiva vicina alla natura per il motivo del colpo di frusta introdotto dal teorico inglese William Morris.

    Leggi di più
  • March Bloch uno storico combattente
    March Bloch uno storico combattente
    690 Visualizzazioni È piaciuto

    La mobilitazione totale operata dai governi dei paesi belligeranti a partire dall'estate 1914 chiamò alle armi intere generazioni di giovani francesi, tedeschi, italiani, russi. Tra i milioni di cittadini che nell'estate 1914 si videro assegnata un'uniforme e un grado militare c'era il futuro storico di fama mondiale Marc Bloch.

    Leggi di più
  • Erasmo e la civilitas delle buone maniere
    Erasmo e la civilitas delle buone maniere
    197 Visualizzazioni È piaciuto

    In che modo il comportamento umano si è evoluto e ha condizionato la civiltà nella storia?

    Leggi di più
  • Il pensiero politico americano di Noam Chomsy oggi la politica italiana
    Il pensiero politico americano di Noam Chomsy oggi la politica italiana
    484 Visualizzazioni È piaciuto

    Avram Noam Chomsky è un linguista, filosofo, scienziato cognitivista, teorico della comunicazione, accademico, attivista politico e saggista americano che ha trasmesso importanti riflessioni sulla politica americana, pensieri che oggi portano sicuramente a ragionare anche sulla situazione politica del Bel Paese, espressione indicante l'Italia che meritava quest'appellativo grazie alle sue caratteristiche peculiari, oggi un Paese spesso deriso a causa della vergognosa e pericolosa situazione...

    Leggi di più
  • Intervista a Gabriel Calderòn drammaturgo uruguayano
    Intervista a Gabriel Calderòn drammaturgo uruguayano
    262 Visualizzazioni È piaciuto

    Gabriel Calderòn, classe 1982, a soli 36 anni è già un personaggio di grande spessore nel mondo del teatro. La sua carriera di drammaturgo è iniziata prestissimo, a 19 anni ha scritto la sua prima opera, che ha ottenuto un grande successo di pubblico e di critica nel suo paese, in Uruguay.

    Leggi di più
  • L'ecomuseo specchio della comunità
    L'ecomuseo specchio della comunità
    544 Visualizzazioni È piaciuto

    La sua genesi venne teorizzata negli anni ‘50 da Georges Henri Riviere con la volontà, sulla base del modello scandinavo, di proporre un’istituzione destinata a preservare e promuovere le tradizioni popolari. Un modello di forte incidenza sociale che gestisse, studiasse ed esplorasse attraverso mezzi scientifici gli aspetti educativi e culturali di genere assieme al patrimonio globale della comunità, civile e paesaggistico. La concezione originaria era nient’altro che la musealizzazione...

    Leggi di più
  • La deumanizzazione dei pirati: Tra realtà  e mito
    La deumanizzazione dei pirati: Tra realtà  e mito
    300 Visualizzazioni È piaciuto

    Oggi, siamo abituati ad immaginare i pirati dell'et?? moderna come leggendari personaggi vestiti in modo sgargiante a bordo di navi traboccanti di bottini preziosi. Ma quanto c'? di vero in questa rappresentazione?

    Leggi di più
  • Il museo nell'era del digitale
    Il museo nell'era del digitale
    163 Visualizzazioni È piaciuto

    E' necessario interrogarsi sulla funzione di questi catalizzatori culturali e di come stiano evolvendo accanto a una società sempre più digitalizzata. Il volto del museo cambia adattandosi alle esigenze degli spettatori non più alla ricerca di un luogo dove conoscere passivamente la storia, ma in loco creare interazioni. Toccare con mano, esserne i protagonisti. I musei sono ponti che uniscono epoche, linguaggi e discipline ma oggi è necessario valorizzarli per mezzo di strumenti tecnologici...

    Leggi di più
  • La piramide alimentare come modello di vita
    La piramide alimentare come modello di vita
    554 Visualizzazioni È piaciuto

    “L'uomo è ciò che mangia” (der Mensch ist was er isst) - sostenne Ludwig Feuerbach nel 1804, filosofo tedesco e ispiratore di Engels e Marx - un curioso gioco di parole dato dalla somiglianza tra “ist” (terza persona singolare del verso essere) e “isst” (terza persona singolare del verbo mangiare). Alla base una filosofia sostenuta dalla convinzione che per migliorare le condizioni spirituali di un popolo ? necessario anzitutto migliorare le condizioni materiali, un'unit?? inscindibile tra...

    Leggi di più
  • L'antroposofia come cammino di coscienza dell'uomo
    L'antroposofia come cammino di coscienza dell'uomo
    243 Visualizzazioni È piaciuto

    Rudolf Steiner visse in Germania nei primi anni del XX secolo pubblicando manuali sull'evoluzione della filosofia citando grandi interpreti come Goethe, Kant, Schopenauer, Einstein arrivando a delineare il proprio pensiero incentrato su una concezione monastica del mondo e fondata sulle scoperte scientifiche del tempo nel settore della genetica e biologia attraverso le quali confluirebbero elementi tratti dalla teosofia e del pensiero, concetti che per la prima volta egli introdusse...

    Leggi di più
  • La guerra che non finisce: La pace di Brest-Litovsk e le sue conseguenze in Europa orientale
    La guerra che non finisce: La pace di Brest-Litovsk e le sue conseguenze in Europa orientale
    339 Visualizzazioni È piaciuto

    La Pace di Brest-Litovsk, stipulata il 3 marzo 1918 fra gli Imperi centrali e la Russia, segnerà l'uscita di quest'ultima dalla prima guerra mondiale. Firmata nella fortezza di Brest-Litovsk, quartier generale dello stato maggiore tedesco nel fronte orientale, la pace prevedeva condizioni drammatiche per la Russia, che diventava la prima nazione sconfitta della Grande Guerra.

    Leggi di più
  • La legge Basaglia e la chiusura delle istituzioni manicomiali
    La legge Basaglia e la chiusura delle istituzioni manicomiali
    407 Visualizzazioni È piaciuto

    1978 - 2018: ricorre quest'anno il quarantennale della legge 180, la cosiddetta legge Basaglia che sanc?? la chiusura delle istituzioni manicomiali e inizi ? a determinare un nuovo modo di approcciarsi alla malattia mentale, sia per gli addetti ai lavori sia per coloro i quali direttamente avevano a che fare con persone affette da tale patologia, in primis, i familiari.

    Leggi di più
  • Le nevrosi di guerra nel primo conflitto mondiale
    Le nevrosi di guerra nel primo conflitto mondiale
    221 Visualizzazioni È piaciuto

    La prima guerra mondiale ha lasciato dietro di sè una scia di vittime ignorate per decenni dai censimenti ufficiali e dalla memoria pubblica. Si tratta dei soldati ritornati a casa con gravi patologie psichiatriche dovute ai traumi bellici, di norma riassunte dalla letteratura medica sotto il nome di «nevrosi di guerra».

    Leggi di più
  • Il carcere - L'origine della privazione della libertà personale
    Il carcere - L'origine della privazione della libertà personale
    293 Visualizzazioni È piaciuto

    La reclusione diventa il principale strumento di sanzione in campo penale solo tra il 1700 e il 1800, prima il carcere non era visto come una vera e propria pena ma solo un metodo di difesa sociale basato su una semplice custodia dell'individuo.

    Leggi di più
  • L'agricoltura biodinamica alimenta il futuro
    L'agricoltura biodinamica alimenta il futuro
    165 Visualizzazioni È piaciuto

    Un seme contiene in sè più forza e potenza di quanta ne realizzerà la pianta ed in voi si trova un potenziale di spirito latente molto più grande di quanto possiate mai sospettare. L’agricoltura biodinamica venne introdotta dal dott. Rudolf Steiner (Donji Kraljevec 1861- Dornach, 1925) nei primi anni Venti del Novecento in Germania. Steiner filosofo, pedagogista, esoterista, artista e riformista austriaco fondò tale metodo denominandolo antroposofia – scienza dello spirito appunto – ponendo...

    Leggi di più
  • Un figlio per nemico. Gli affetti di Gaetano Salvemini alla prova dei fascismi
    Un figlio per nemico. Gli affetti di Gaetano Salvemini alla prova dei fascismi
    351 Visualizzazioni È piaciuto

    In Un figlio per nemico. Gli affetti di Gaetano Salvemini alla prova dei fascismi (Donzelli, 2018), Filomena Fantarella - assegnista di ricerca in Studi italianistici presso la Brown University di Providence, Rhode Island - punta i riflettori su una specifica vicenda della biografia di Gaetano Salvemini, il noto intellettuale antifascista. Si tratta del rapporto fra lo storico pugliese e Jean Luchaire, figlio della seconda moglie di Salvemini, Fernande Dauriac, e del primo marito di lei,...

    Leggi di più
Showing 201 to 220 of 337 (17 Pages)